Visitare

San Lorenzo e il suo mercato

giugno 5, 2016

Ecco uno dei miei quartieri preferiti di Firenze : il Borgo San Lorenzo. A 2 passi dal Duomo, il quartiere si sviluppa intorno all’omonima basilica, famosa per la sua facciata incompleta e le cappelle medicee, dove riposano i membri della famiglia De’ Medici.

Un tempo in Piazza San Lorenzo si teneva anche il mercato, ma fu spostato un po’ di tempo fa’ per liberare la vista della basilica. Si trova ora in Via del Giglio, appena dietro.

La zona si caratterizza per la presenza di molti commercianti di pellame, che affollano i negozietti intorno alla basilica e lungo Borgo San Lorenzo, che unisce Piazza San Lorenzo a Piazza San Giovanni (Piazza del Duomo), fino in Via del Giglio, dove c’è il mercato all’aperto. Ci trovate di tutto, dalle giacche in pelle alle cinture, dalle borse agli accessori di ogni sorta : vi invito giusto a verificare bene che si tratti di prodotti veramente made in Florence perché, ripeto, c’è di tutto…

Qualche immagine...

Ma la vera cosa da fare è una visita gustativa al Mercato Centrale di San Lorenzo, soprattutto in notturna !

Autentica istituzione per i privati e i ristoratori fiorentini, lo splendido edificio fu costruito fra il 1870 e il 1874, periodo in cui la capitale d’Italia venne spostata da Torino proprio a Firenze. Si ispira alle halles francesi*, realizzate in materiali innovativi come ferro, ghisa e vetro : non a caso l’architetto a cui furono affidati i lavori era il Giuseppe Mengoni a cui si deve anche la Galleria Vittorio Emanuele di Milano. Il Mercato di San Lorenzo sostituì allora quello della Paglia (sotto la loggia del Porcellino), che era diventato troppo piccolo. Fu anche l’occasione per riconvertire il quartiere dei Camaldoli di San Lorenzo, piuttosto malfamato all’epoca, fatto di casupole fatiscenti che vennero demolite per fare posto alla struttura odierna.

Al pianoterra si trova  il mercato tradizionale, con le bancarelle alimentari, aperto da lunedì al sabato dalle 7h00 alle 14h00 (il sabato fino alle 17h00).

*Halles = mercato (coperto)

Passa il mouse sulla foto per ingrandirla.

Passa il mouse sulla foto per ingrandirla.

Passa il mouse sulla foto per ingrandirla.

Ma il piano di sopra resta aperto tutti i giorni dalle 10h00 a mezzanotte…e qui si passa alla consumazione ! Il Comune di Firenze ha voluto trasformare un luogo dove di solito si fa semplicemente la spesa ad uno spazio animato. Le bancarelle diventano veri e propri chioschi e ristoranti dove si può mangiare dall’antipasto al dolce, passando per le bevande e, naturalmente, guardare la partita sul megaschermo del bar !

C’è posto anche per una piccola Eataly, una libreria ed una scuola di cucina. E naturalmente non poteva mancare nemmeno uno stand della Fiorentina

Per quanto mi riguarda, io ho mangiato allo stand della cucina tradizionale fiorentina : mi sono offerta un gran classico, le tagliatelle al ragù di cinghiale. Dopodiché ho concluso con un gelato da Beduschi C., pochi gusti ma eccellenti. Il laboratorio è proprio dietro allo stand, si possono ammirare i mastri gelatieri produrre la loro delizia.

Qualche immagine...

Non si può venire a Firenze, soprattutto in un quartiere popolare e non provare almeno una volta il lampredotto. Trattasi del quarto stomaco dei vitelli cucinato per ore in umido (per i milanesi imbruttiti come me, stile trippa). Si mangia come un panino, stile burger king nostrano. A Firenze qualunque chiosco o bar vende  il lampredotto : al chiosco di piazza del mercato della Paglia abbiamo trovato la polizia municipale che faceva una pausa (alle 10h30 del mattino…) a base di lampredotto e bicchiere di rosso, tanto per capirci.

Se l’ho provato ? Manco morta, però ho chiesto a questo simpaticissimo cuoco che mi ha spiegato come si cucina e gli ho dato un’annusatina…devo dire che il profumo è delizioso. Mi è bastato comunque quello.

Passa il mouse sulla foto per ingrandirla.

Il quartiere San Lorenzo pullula di posticini dove andare a mangiare, come trattorie, gelaterie e terrazze (oltre al mercato coperto), soprattutto lungo via Borgo San Lorenzo…ma ci sono anche parecchie trappole per turisti.

La via è stretta e molto battuta, quindi se volete mangiare nei paraggi vi consiglio di mettervi piuttosto all’interno.

Per gli hôtel stessa cosa, si concentrano piuttosto intorno a Piazza San Lorenzo. Il problema è che, salvo prendere camere che danno verso l’interno, rischiate di non dormire per il casino.

Clicca sulle foto per ingrandirle.

Se cercate un bell’hôtel ben posizionato e un ristorante di classe con ottima cucina e ambiente, ecco 2 indirizzi che conosco bene e che posso raccomandarvi senza esitare :

Un Konnubio imbattibile fra l’autenticità toscana e la raffinatezza marchigiana : benvenuti dalla chef Beatrice Segoni !

Un soggiorno incantevole in una delle dimore storiche più antiche e prestigiose della città : benvenuti a Palazzo De’ Conti !

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply